Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

  • Visite: 281

Melanzane alla parmigiana

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di melanzane viola ovali
3 cucchiai di olio EVO
500 g di mozzarella (preferibilmente fiordilatte)
100 g di parmigiano grattugiato
1 l di passata di pomodoro
½ cipolla
Basilico fresco
Sale, pepe
60 g di sale grosso
Olio EVO per friggere
Preparazione:
Lavate le melanzane, asciugatele e spuntatele. Tagliatele a fette nel senso della lunghezza ad uno spessore di circa ½ cm e mettetele in uno scolapasta cospargendole strato dopo strato con del sale grosso per fargli perdere l’acqua di vegetazione amara.
Mettete a scolare anche il fiordilatte tagliato a fette.
Nel frattempo preparate il sugo facendo soffriggere la cipolla con l’olio, aggiungete la passata di pomodoro e regolate di sale e pepe. Lasciate cuocere per circa mezz’ora, dopodiché spegnete il fuoco e aggiungete il basilico spezzettato a mano.
Dopo circa 1 ora, sciacquate le melanzane per eliminare il sale e asciugatele molto bene con carta assorbente e friggetele in abbondante olio caldo. Scolatele dall’olio e mettetele ad asciugare su carta assorbente.
Spennellate il fondo di una teglia con l’olio, disponeteci sopra uno strato di melanzane, distribuite la mozzarella tagliata a dadini, quindi cospargete con del sugo e terminate con il parmigiano. Stendete un altro strato di melanzane e alternate gli strati come prima, fino ad esaurimento degli ingredienti. Terminate con uno strato di sugo e abbondante parmigiano.
Infornate la teglia a 200 °C per 30-40 minuti. Una volta cotta, lasciate la parmigiana in forno spento in modo che riposando si rapprenda meglio. Poi sfornatela e servitela tiepida oppure fredda!